Gli azzurri dello sci a Bormio 3000

BORMIO – Lo Stelvio non ha fatto in tempo a chiudere che Bormio – è il terzo anno – e Madesimo hanno già messo in moto gli impianti delle rispettive skiaree. Livigno aveva lanciato già da una settimana il turismo della neve preparando piste per lo sci da fondo così come Santa Caterina Valfurva che domenica 7 novembre 2010 si affida ai grandi campioni del fondo per aprire ufficialmente la sua stagione.

Uno spettacolo di natura più unico che raro (le immagini lo dimostrano) per una apertura che ha visto rappresentato praticamente tutto il mondo della politica e del turismo della provincia di Sondrio. A partire dall’assessore regionale al turismo Stefano Maullu che per la terza volta nello spazio di pochi mesi ha fatto visita alla valle.

Si apre la  stagione bianca

Si apre la stagione bianca

E poi l’assessore provinciale Alberto Pasina, il presidente del Parco dello Stelvio Ferruccio Tomasi, il presidente del consorzio turistico provinciale Paola Bormolini, il sindaco di Valdisotto Alessandro Pedrini, il presidente di Apt Bormio Valeriano Giacomelli, quello della società impianti di Bormio Valentino Galli. Ed ancora il presidente degli albergatori di Bormio Barbara Zulian, i rappresentanti delle skiaree di Livigno, Giorgio Zini, di Valmalenco, Ivo Del Maffeo, di Santa Caterina Valfurva, Beppe Bonseri. Questa volta la Regione Lombardia, la provincia di Sondrio e Bormio hanno voluto insieme fare una cosa molto più “rumorosa” per far sapere a tutti che in Valtellina e Valchiavenna già si scia.
“Regione Lombardia – ha detto l’assessore Maullu – è attenta a questa montagna dove si stanno mettendo in atto buone pratiche di comportamento turistico che l’intera Regione potrà prendere come modello ed esempio. E sta investendo in comunicazione e promozione per sostenere le azioni di promozione del comparto turistico montano”.

Presentazione in tv

Presentazione in tv

E’ la terza volta, nel suo breve mandato, che l’assessore regionale al turismo compie una visita in provincia di Sondrio: “mi pare di poter dire che questo è un esempio concreto ed evidente – ha sottolineato l’assessore provinciale Alberto Pasina – dell’attenzione che Regione Lombardia sta dimostrando verso la nostra valle. Dopo le anteprime di Santa Caterina Valfurva e Livigno con lo sci da fondo oggi siamo pronti con lo sci alpino, qui a Bormio ma anche a Madesimo. Siamo pronti e lo stiamo dicendo a tutti, attraverso una serie mirata di campagne di promozione che vogliono mostrare tutto il bello di fare vacanza nella nostra provincia”. Quello dello sci rappresenta, dati alla mano, il motore dell’economia della provincia;  “essere pronti a soddisfare la domanda di sci già agli inizi di novembre – sostiene Valeriano Giacomelli, presidente di Apt Bormio – è fondamentale. Per questo a Bormio abbiamo deciso di metterci in pista con largo anticipo per poter soddisfare questo desiderio”.

bormio_06112010_003 bormio_06112010_004 bormio_06112010_005 bormio_06112010_006

Ma quello di oggi è stato un incontro anche con altri significati – come hanno evidenziato l’assessore Pasina ed il presidente del consorzio turistico Paola Bormolini –; ovvero che “la montagna valtellinese sia capace di proporsi sul mercato turistico come una realtà sciistica unita e pronta a fare gioco di squadra”. A confermarlo la presenza di molti operatori di tutta la valle, da Livigno alla Valmalenco, da Valfurva all’Aprica, pronti a dichiarare che oggi “è sempre più strategico fare sistema e proporsi insieme”. Soprattutto serve conoscere a fondo il mercato “come facciamo con l’Apt di Livigno – ha detto Giorgio Zini – attraverso un osservatorio che abbiamo iniziato ad esportate in tutta l’alta Valtellina”. Osservatorio capace di misurare tendenze e passioni tra le quali, lo ha ricordato il sindaco di Valdisotto (padrone di casa a Bormio 3000) Alessandro Pedrini: “stiamo presentando al meglio la nuova stagione invernale di una valle capace, però, di offrire anche tanto altro come termalismo, arte, gastronomia, l’ambiente del Parco dello Stelvio”,

bormio_06112010_007 bormio_06112010_008 bormio_06112010_009

Quello della prima neve è un desiderio, in alcuni casi una voglia matta, che tanti appassionati vogliono soddisfare. Bormio ha deciso di mettersi al lavoro con largo anticipo per soddisfare questi desideri. Ma anche e soprattutto per dare piste adeguate alle squadre nazionali (italiana prima di tutto, ma non solo) dello sci alpino che, dopo aver sfruttato sino all’ultimo i ghiacciai, adesso hanno l’opportunità di sciare sui neve invernale. “Neve perfetta, ideale per le nostre necessità di preparazione” commentano in coro, salutando le autorità giunte a Bormio 3000, i ragazzi della nazionale azzurra di discesa. Neve perfetta e testimonial d’eccezione come gli azzurri dello sci per lanciare la nuova stagione: “è una piacevole sorpresa questo momento quasi solenne a Bormio 3000 – ha osservato Valentino Galli, presidente della Sib -; presenza che gratifica il nostro impegno e che ci aiuta a lanciare un messaggio forte e chiaro: a Bormio si scia, venite!”.
E nella giornata che ha lanciato lo sci, spazio è stato dato anche al termalismo. Nel salone dei balli dei Bagni Nuovi, gli assessori  Maullu e Pasina con il delegato del presidente Formigoni per la montagna, Roberto Baitieri, hanno incontrato la stampa specializzata, ma soprattutto gli operatori del comparto termale.

bormio_06112010_010 bormio_06112010_011
“Regione Lombardia sta cercando di spingere forte sul tasto della promozione – ha detto Maullu – e quella termale è una offerta da promuovere. Meglio se attraverso una proposta unica che metta in evidenza tutte le peculiarità”.
Peculiarità tutte diverse quelle dei Bagni di Masino, rappresentanti da Laura Sibilotti e Alessandra Putzu, dei Bagni di Bormio, presentati da Mario Cotelli, e di Bormio Terme, presente Adelio Canclini. Ciascuna delle realtà ha messo sul tavolo degli assessori quanto buono e salutare le terme di Valtellina sanno proporre; in alta valle unendosi allo sci, in Valmasino sfruttando tutto il bello della montagna. “La provincia – ha ricordato l’assessore Pasina – è pronta a spendersi per questo settore, perchè crede che possa diventare risorsa fondamentale per tutto il comparto turistico”. E se l’obiettivo è quello di allungare le stagioni e diversificarle “il settore termale, il cicloturismo ed il mototurismo sono aspetti ed ambiti su cui lavorare ed in provincia di Sondrio ci sono grandi possibilità”.
Non mancherà il sostegno di Regione Lombardia! Roberto Baitieri lo ha ribadito: “se il territorio è capace di elaborare proposte e progetti sostenibili la Regione è pronta a fare la sua parte con gli strumenti che ha a disposizione, a partire dalla legge per la montagna che si sta definendo e che prenderà corpo anche attraverso una serie di importanti confronti con le realtà dei territori”.

Armando Trabucchi (Foto © AT per Arn)

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews

No comments yet.

HAVE SOMETHING TO SAY?