La giunta di Bormio

La giunta di Bormio

BORMIO – Domenica 19 aprile a Bormio si vota con qualche settimana di anticipo rispetto alla consultazione amministrativa già indetta. Si tratta, come era già stato annunciato, della consultazione voluta dall’amministrazione comunale per conoscere il gradimento dei bormini rispetto ad alcune scelte e decisioni assunte.

Dopo aver già riferito con altri servizi della decisione, sia riguardo alle modalità che alla data, vi offriamo ora il testo integrale del comunicato diffuso dallo staff del sindaco che riporta il pensiero del primo cittadino di Bormio Elisabetta Ferro Tradati.

Come annunciato in campagna elettorale, è indetta il 19 aprile la consultazione dei cittadini in merito al gradimento della amministrazione del Comune di Bormio. Intendevamo convocarla nell’ autunno 2008 (proprio in corrispondenza di metà mandato), ma era prima necessario modificare leggermente l’articolo 40, comma 2 dello statuto che la regola, introducendo due semplicissime “facilitazioni”.
La prima modifica riguarda il fatto che la scheda può ora essere consegnata al cittadino nel luogo dove egli esprime il proprio parere e non, come recitava prima la nostra norma, spedita e successivamente consegnata a cura del cittadino in un luogo e ad una data prefissata. Una regola macchinosa, che si prestava anche a molti dubbi metodologici.
La seconda novità riguarda l’introduzione del voto informatico, così come è avvenuto, in via sperimentale per le tornate elettorali, in alcuni comuni di altre province.
Ebbene, queste piccole modifiche hanno reso necessarie ben tre letture in consiglio comunale (in sedute diverse) per la strenua opposizione della minoranza, che ha bollato il provvedimento come un attentato alla “costituzione di Bormio”. Pazienza, però ciò ha comportato un deprecabile slittamento della consultazione, indipendente dalla nostra volontà.
Un “referendum” sul gradimento dell’amministrazione è certamente qualcosa che la maggior parte dei consiglieri di qualsiasi comune vedrebbe come il fumo negli occhi. E’ presumibile infatti che si recheranno ad esprimere il proprio parere soprattutto coloro che non sono soddisfatti, mentre pochi di coloro che sono tiepidi o che manifestano apprezzamento. E’ umano.
Io spero però che la presenza di richieste, che riguardano pareri e suggerimenti della popolazione per quest’ultima parte del mandato, inviti anche chi non vuole esprimere solo una protesta, a recarsi al seggio elettorale.
Spero anche sia un elemento di attrazione per i più giovani, l’estensione del diritto al voto a tutti coloro che sono nati nel 1991 (quindi anche a chi non ha ancora compiuto i 18 anni) e la possibilità di esprimersi anche per via informatica.
Non vi sarà alcun quesito relativo alla collocazione della nuova casa di riposo. Ho già avuto modo di spiegare che alcune scelte, basate sulla valutazione di numerosi fattori tecnici ed economici, devono essere demandate al consiglio comunale. Non si capirebbe altrimenti perchè si dovrebbe eleggere qualcuno, se non per incaricarlo a decidere per la comunità su temi complessi come questo.
Esporsi al giudizio dei cittadini è senz’altro difficile e comporta una buona dose di umiltà, onestà intellettuale e buona fede. Il tutto non può ridursi ad un semplice quesito sulla compagine amministrativa (come proponeva la minoranza), che sarebbe solo un’espressione di voto anticipata. Dai risultati di questa consultazione attendiamo invece pareri articolati e costruttivi suggerimenti per i prossimi due anni di lavoro.

Spazio aperto ai commenti ed alle valutazioni che non abbiamo però il sapore della campagna elettorale e che siamo rispettosi nel modo di esprimere le proprie opinioni…

Di seguito i quesiti proposti:

Sei soddisfatto di

1. Asilo nido? sì no non so
2. Nuova sede per il centro ricreativo anziani? sì no non so
3. Trasporto pubblico urbano? sì no non so
4. Gestione del verde urbano, degli impianti sportivi e dei parcheggi? sì no non so
5. Attenzione per cultura, tradizioni e agricoltura? sì no non so
6. Gestione della raccolta rifiuti? sì no non so
7. Gestione dei servizi termali? sì no non so

—————————————————————————————————————-

8. Il proprietario dell’ex cabinovia del Ciuk, in cambio della sua riapertura, chiedeva al Comune di Bormio la realizzazione di m3 4800 di nuovi condomini in zona non edificabile o la trasformazione di una struttura alberghiera in residenziale.

Abbiamo rifiutato.
Sei daccordo? si no non so

—————————————————————————————————————–

9. Quale di queste iniziative ritieni più importante per i prossimi due anni?

Nuova Edilizia convenzionata per residenti
Nuovi parchi giochi
Piste ciclabili
Ampliamento zona pedonale
Avvio lavori Park V Alpini
Approvazione nuovo PGT

———————————————————————————————————————

10. Che cosa NON ti piace di questa amministrazione?
Mancanza di comunicazione con i cittadini
Scarsa presenza degli amministratori
Scarso decisionismo
Insufficiente attenzione al decoro urbano
La gestione dei parcheggi
Non so, non rispondo

Bormio – Consultazione dei cittadini 19 aprile 2009

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews

2 Readers Commented

Join discussion
  1. Laura on 15 aprile 2009

    Qualche considerazione
    1)Solitamente un referendum ha due sole opzioni
    SI NO
    2)In campagna elettorale si parlava di referendum di metà mandado sul gradimento dell’amministrazione,un aiuto, manca la domannda fondamentale:
    Sei soddisfatto dell’amministrazione Tradati:
    SI NO
    3)Manca una domanda a mio avviso fondamentale:
    Vuoi la casa di riposo in località Agoi?
    SI NO
    4)Non si può dare un giudizio aprioristico del referendum….dire che voterano solo i “criticoni” se si crede VERAMENTE in quello che si fa mi sembra riduttivo

  2. michele on 15 aprile 2009

    1. GRADISCI L’OPERATO DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE ?

    SI NO

    2. SEI FAVOREVOLE ALLA COLLOCAZIONE DELLA CASA DI RIPOSO NELL’AREA AGRICOLA DI AGOI – ZONA PRESIDIO SANITARIO?

    SI NO

    Sono i due quesiti che la Minoranza Un Futuro Per Bormio, come ha documentato questo giornale ed il sito http://WWW.UNFUTUROPERBORMIO.IT, ha chiesto di inserire sulla scheda della Consultazione popolare, MA CHE PURTOPPO I CITTADINI NON TROVERANNO:

    Evidentemente un quesito è troppo chiaro e semplice l’altro scomodo e inopportuno, soprattutto quando si è già deciso senza tenere conto delle mille e più firme contrarie dei Cittadini di Bormio e del Consiglio Comunale che ormai dovrà solo ratificare decisioni già prese ?!

HAVE SOMETHING TO SAY?