SONDRIO – Il 5 febbraio del 2008 il Comitato Cittadini Consumatori Valtellina alla vigilia della scelta della località per l’EXPO 2015 inviò al Sindaco di Milano con l’augurio l’apprezzamento per la scelta di puntare all’EXPO del 2015 e per le relative azioni promozionali. C’era ovviamente un interesse, quello – testuale – di “inserire anche Sondrio proprio in relazione alle principali tematiche (ambiente, energia ecc.) associate alla candidatura e che le hanno valso l’adesione del Nobel Al Gore”.


Il Comitato Cittadini Consumatori Valtellina andava anche oltre con una proposta, – che non poteva certamente offrire la concorrente Smirne – unica al mondo: il giro del Bernina (la più alta vetta delle Alpi centrali, ‘condominio’ italo-svizzero, metri 4050) attraverso il passo omonimo (metri 2253 mentre la strada passa a quota 2323). Un giro però particolare, alternativamente come direzione.
1) Senso anti-orario: Partenza da Chiavenna con treno storico che raggiunge Tirano in un’ora e trenta. Imbarco su treno Retica. Ore 2 e 20 minuti di viaggio per S. Moritz. Da qui con “postale” anni 30 a Chiavenna, 49 km per il Passo del Maloia (metri 1815). Variante arrivo a Colico.
2) Senso orario: l’inverso. Partenza da Tirano con treno Retica. Da qui con “postale” anni 30 a Chiavenna. Da qui a Tirano con treno storico. Variante partenza da Colico con treno storico sino a Titano e la sera arrivo a Colico.
Tempo di viaggio: circa cinque ore complessive interamente con mezzi al di fuori dell’ordinario (trovando la soluzione adatta per il ‘postale’. Poi ipotesi varie di soste.
Previste visite a Tirano e Chiavenna, poi ipotesi o di salita con la funivia della Diavolezza o di sosta al Morterasch con eventuale salita al ghiacciaio. Sosta a S. Moritz.
Fra gli optional da considerare, sia sul versante svizzero (S.Mortitz-Samedan) che italiano (Sondrio-Caiolo) la possibilità di voli sui ghiacciai con elicottero.
Iniziativa da primario tour-operator con il supporto dell’organizzazione dell’EXPO e degli Enti locali.
Il presente contributo del Comitato Cittadini Consumatori Valtellina, al di là della possibilità di concretizzare quanto esposto – cosa che richiede la valutazione degli esperti, l’analisi dei costi, le possibilità di marketing, la scelta della periodicità – indica la necessità di innovazione, di idee nuove per potere inserirsi nel circuito dell’EXPO, atteso che in tutta la Lombardia, e non solo, ci si sta attrezzando per potere entrare nel grande ‘circo’ organizzativo. Un’idea quale quella esposta non avrebbe rivali.

Nota di Alberto Frizziero

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews

No comments yet.

HAVE SOMETHING TO SAY?