Nell’ambito della sempre più attesa ventesima edizione della Sagra della mela e dell’uva di Villa di Tirano (9, 10, 11 e 12 ottobre), si svolgerà la sera di giovedì 9 all’auditorium Mascioni alle 20.30 una accesa tavola rotonda promossa da Coldiretti sul tema “Le nuove iniziative per la viticoltura valtellinese”.

“Eroica” è definita la viticoltura della nostra provincia: le viti prosperano su pochi palmi di terra strappati alla montagna con lavoro certosino. La vitivinicoltura valtellinese è un grande patrimonio, ricco di storia e di tradizione, strettamente legato ad un territorio quasi unico al mondo. Per l’economia della provincia di Sondrio, oltre alla importantissima valenza ambientale, questo comparto rappresenta il 20% della produzione lorda vendibile agricola. “E’ indispensabile – comunica Coldiretti – perseguire per la nostra vitivinicoltura (e per l’agricoltura) un modello di sviluppo valido per il lungo periodo, integrato necessariamente con il tessuto economico locale, innanzitutto con il turismo, l’agriturismo e l’ambiente peculiare della Valtellina. Tra le tante azioni da incentivare, meritano priorità la ricerca scientifica, la formazione e la sperimentazione, la promozione e il massimo sostegno ai giovani viticoltori e imbottigliatori. Ma il futuro lo possiamo costruire soltanto facendo sinergia, con la partecipazione di tutta la filiera, e con le istituzioni”. La tavola rotonda voluta fortemente dagli organizzatori della Pro loco villasca vuole anzitutto essere un’opportunità di aperto confronto per i viticoltori su un tema che deve stare a cuore a tutta la provincia. Vi parteciperanno rappresentanti della Provincia, della Fondazione Fojanini, di ProVinea e del Consorzio tutela vini.
Marco Quaroni, responsabile Ufficio stampa

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews

No comments yet.

HAVE SOMETHING TO SAY?