TOVO (Tirano) – Inaugurata questa mattina la quarta rassegna “Alta Rezia da gustare”. A partire dalle 10, orario in cui si è ufficialmente alzato il sipario sull’attesa kermesse fieristica alla presenza del prefetto sondriese Chiara Marolla e degli amministratori locali fra i quali il numero uno Cm Oscar Giudice, grandi e piccini si sono lasciati incuriosire dai numerosi prodotti esposti negli stand appositamente predisposti nel capannone della sede Coav.Il primo atto della rassegna è stato una sapiente miscela di antiche tradizioni ed enogastronomia all’insegna della valorizzazione agricola. Dopo aver apprezzato le voci bianche del coro degli alunni delle medie Trombini sapientemente guidati da Gabriella Perfetto il pubblico partecipante si è lasciato deliziare dai sapori e dai profumi dei prodotti valtellinesi di eccezionale gusto e genuinità. Un successo ben meritato dunque quello raggiunto nella prima giornata di “Alta Rezia da Gustare” poichè scaturito da un alacre lavoro di sinergie e da un impegno ininterrotto per poter offrire ai partecipanti un evento di particolare pregio davvero capace di valorizzare al meglio le eccellenze della propria terra.
Una operazione promossa con intelligenza dal Consorzio Turistico Terziere Superiore, dalla Cm e dalla Coav. Molteplici consensi che han portato ovviamente a grande soddisfazione da parte dei promotori evidenziata nell’intervento di Carlo Toini, presidente del Consorzio Turistico Terziere Superiore “E’ la gratificante testimonianza che si tratta di un evento non ristretto, ma mandamentale e che cresce di volta in volta. Rappresenta una offerta per tutti i 12 comuni affinchè si abbatta ogni campanilismo”. Fra le novità dell’edizione “Alta Rezia da gustare 2008” percorsi enogastronomici innovativi arricchiti dalla presenza dei pregiati vini di Valtellina e ancora rappresentazioni artigianali all’interno del capannone Coav ed esposizioni di aziende private all’esterno, ma non solo. Presenti addirittura aziende di livello nazionale. Lunghe file poi davanti allo stand della “Confraternita del chisciol” di Tirano, vera e proria “new – entry” di questa edizione, per accaparrarsi la ghiottoneria a base di grano saraceno. Altrettanti golosi hanno preso di mira le frittelle di mela dei bravi cuochi della Pro – loco di Villa di Tirano, invece gradita riconferma, e lo stand della stuzzicante “Pesteda” Grosina. Ampio spazio è stato dato poi all’universo della mountain bike. E’ stato possibile inoltre partecipare a convegni tecnici sul mondo della frutticoltura. In serata coreografiche esibizioni di gruppi folk. In molti hanno apprezzato l’attenta organizzazione che non ha lasciato nulla al caso.
Gabriela Garbellini

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews

No comments yet.

HAVE SOMETHING TO SAY?