TEGLIO – Come resistere all’inconfondibile profumo di un piatto di pizzoccheri fumanti, abbinato alla polenta scura di grano saraceno che riporta alla mente ritmi contadini o all’intenso sapore del pregiato porcino che già solo il nome trasporta idealmente nei boschi valtellinesi tra resine e licheni? Impossibile. Così è stato per i buongustai che tra sabato e domenica scorsi non han potuto far a meno di raggiungere Teglio, incontrastata patria della tagliatella di grano saraceno, piatto “re” della tradizione Valtellinese, per la nota manifestazione gastronomica e culturale “Il pizzocchero d’oro”.

La kermesse promossa dal Consorzio Teglio Turismo e dalla prestigiosa Accademia del Pizzocchero, giunta meritevolmente alla sua decima edizione, dedica ben due week-end alla valorizzazione delle eccellenze culinarie valtellinesi offrendo degustazioni di menù tipici nei ristoranti convenzionati (Ai Tigli, Al Castello, Bellavista, Combolo, Miravalle, San Pietro, Orio, Al Vecchio, Torchio, La Corna), ma non solo. Possibilità per tutti inoltre d’apprendere i segreti della preparazione del pizzocchero grazie a sapienti ed infaticabili “scarelatrici” e della coltivazione del grano saraceno, principale ingrediente, visitando le filiere telline sotto l’esperta guida del Presidio Slow Food. Senza dimenticare mercatini di prodotti agricoli tradizionali e biologici e preparazioni “in diretta” di prodotti caseari in collaborazione con il Consorzio Tutela Valtellina Casera e Bitto.
Tutto esaurito nei ristoranti per il primo fine settimana. Una fiumana di persone in paese incuriositi anche dagli stand di oggetti ed i più curiosi prodotti artigianali in mostra per le vie. “Record nei ristoranti a riprova che Teglio è considerata la patria gastronomica della Valtellina. Il maltempo non ha certo fermato i buongustai. “Sono saltate – sspiega Fabio Valli, indiscussa anima della manifestazione – solamente le visite guidate ai campi di grano saraceno e la preparazione di prodotti caseari”.
L’evento sarà riproposto sabato e domenica prossimi.

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews

No comments yet.

HAVE SOMETHING TO SAY?